Si apre con un minuto di raccoglimento in memoria di chi al calcio sassarese ha dato tanto, il dirigente Paolo Tassu, con un passato rossoblù e un presente con i colori biancocelesti, la sfida valida per la 13^ giornata di serie D tra Torres e Latte Dolce.

Il risultato di 0-4 è una sentenza inappellabile. Poi c’è però la necessità, per gli addetti ai lavori, di soffermarsi sulla gara, sugli episodi che l’hanno indirizzata, sugli errori commessi e se i rossoblù li hanno collezionati in rapida sequenza, dall’altra parte non si è lesinato nel cinismo necessario per approfittarne.

Le assenze di Origlio e Bilea, con Ponsat ancora non al meglio, non hanno reso il lavoro facile a mister Graziani che sceglie la sua consueta difesa a tre con il rientro di Schiaroli al centro, Rutjens e Pinna a completare. In mezzo al campo dal primo minuto c’è Ladu, con Ruiu e Melli esterni, La Vigna e Samuele Pinna dietro il tandem d’attacco Battista e Mascia. Tra i pali Frasca.

Belli e gradevoli i primi 20 minuti, con le due squadre che si sono affrontate a viso aperto e ad armi pari.

I primi squilli sono di marca Torres. Prima con Samuele Pinna che impegna Urbietis dalla distanza al 5’ e poi con Mascia che si fa tutta la fascia prima di entrare in area e allungarsi troppo la sfera all’8’.

La Torres gioca bene ma il Latte Dolce inizia ad affacciarsi in area.

I pericoli arrivano soprattutto dalla destra, con un Kone ispirato e rapidissimo che va a doppia velocità ma in area non trova il tempo giusto al 16’.

Tre minuti dopo l’episodio che cambia l’inerzia della gara.

Frasca esce a valanga su Kone al limite dell’area, fallo da ultimo uomo ed espulsione per il numero uno rossoblù.

Torres in dieci e primo cambio, con Carta tra i pali al posto di Samuele Pinna.

Rossoblù costretti a cedere campo ad un Latte Dolce che aumenta i giri. Al 27’ il secondo decisivo episodio della gara.

Palla in area per Scotto, contrastato da Rutjens, entrambi vanno giù, l’arbitro Giacometti è vicinissimo all’azione e fischia il calcio di rigore. E’ proprio Scotto a calciare, forte e centrale, Carta sfiora soltanto.

Latte Dolce in vantaggio e rossoblù sotto di un gol.

Trascorrono pochi minuti e la doccia gelida si completa. Al 34’ fallo di La Vigna, cartellino giallo (che peserà più avanti) e punizione. Palla al centro e testa di Patacchiola che infila Carta per il raddoppio.

Un minuto dopo fuori Ruiu per Bianco. La Torres prova a riorganizzarsi ma è una salita sempre più ripida.

Nella seconda frazione i rossoblù mostrano ancora corsa e voglia di fare, la vigna lancia il contropiede con Mascia che entra in area prima di tutti i suoi compagni prova il servizio al centro,rimpallo e sfera nuovamente tra i suoi piedi, conclusione angolata ma Urbietis c’è.

Al 7’ gli ospiti chiudono i conti. Palla in area, respinta di Rutjens, arriva Bianchi che spara in rete per il 3-0.

La gara è chiusa, ormai da tempo, dentro Vavassori e Mesina per Ladu e Battista al 12’ ma qualche minuto dopo ancora una mazzata per i rossoblù.

La vigna viene punito con il secondo giallo per questo intervento a centrocampo, tutt’altro che cattivo e per lui scatta il rosso. Torres in nove.

Fuori Mascia per Fadda.

La Torres prova comunque a portarsi in avanti ma senza più armi.

Al 27’ la chiude Scotto, partito sul filo del fuorigioco, o forse poco oltre, ma tantè. Il 4 – 0 toglie qualunque energia residua e tutti, in camo e fuori, attendono solo il triplice fischio.

Gara da dimenticare, giocatori da recuperare per mister Graziani, nella testa prima ancora che nelle gambe.

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *