“Prima di tutto ci tengo a dirle che mio padre è molto legato alla Torres ed è questo il motivo che mi porta ad accompagnarlo (insieme a mia figlia) a vedere una partita”.

A scriverci è il figlio di Roberto Balestri, centrocampista rossoblù, classe 1935, arrivato da Pisa a Sassari nei primi anni 50 e che vestí la maglia della Torres per tre stagioni e poi ne fu anche allenatore negli anni ’80. Domani Balestri tornerà a Sassari e sarà presente in tribuna per assistere alla sfida Torres – Muravera.

Un regalo della sua famiglia, un’ emozionante tuffo nel passato che potrà vivere con il figlio e la nipote. “La sua storia professionale è iniziata da lì quando era ancora un ragazzo. Fu accolto da giocatori esperti – ricorda il figlio – con i quali è rimasto sincero amico. Alcuni purtroppo adesso non ci sono più, come Isoni e Campus”.

Appartengono a questo periodo fatto di eroi sportivi, di calcio polveroso e di immagini in bianco e nero, le bellissime foto inedite che ci invia Riccardo e che vi mostriamo. Lo stadio Acquedotto, con la sua tribuna gremita, la gradinata centrale, e gli alberi che facevano da postazioni privilegiate, e poi alcune formazioni, i volti, le figurine di un’epoca.

Come calciatore Balestri ha iniziato con la maglia della Torres in IV serie nel 1952-53 (29 presenze e 3 gol). Nel 1953/54 colleziona 11 presenze e 2 gol, l’anno successivo le presenze sono 33 e i gol salgono a 9. La 54/55 sarà una delle migliori stagioni del dopoguerra, con un secondo posto e una serie C solo sfiorata. Tra i protagonisti dell’epoca ci sono Lepri, Orecchioni, Campus e Serradimigni, autore di 18 gol in 33 gare. Fu l’ultima stagione in rossoblù per Balestri che nel 1955-56 passò alla FEDIT Roma per esordire in terza serie.

Poi un lungo cammino tra Pisa e Livorno, squadra con cui conquista una promozione in Serie B. Chiuderà la carriera con un biennio al Viareggio, dopo una promozione in C nel 1966-67.

Abbandonato il campo inizia ad allenare nel Marina di Pisa e sono tante le panchine tra Pisa (fu il primo allenatore di Marco Tardelli e poi suo collaboratore all’Inter e nella nazionale under 21), Foggia (Promozione in serie A nel ’76), Livorno (Promozione in serie B nel 66/67) Reggina, Nocerina, Bolzano fino al ritorno a Sassari nella stagione 1983/84. In quell’anno di C2 la Torres raggiunge il 6° posto e Balestri subentrò in corso di stagione a Domenghini.

Ma è nelle cartoline del calcio del dopoguerra che è rimasto il cuore rossoblù di Balestri, vecchia gloria di un calcio che non c’è più ma che non smette di emozionare.

Di

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *